%> dBlog - Appello per il presente e il futuro del Centro Sperimentale di Cinematografia
 

Quel che puoi fare con un saggio fotografico non puoi farlo con singole foto. In ogni racconto la forma e' incredibilmente importante. shakespeare non e' famso perche' sapeva mettere insieme una bella frase, ma perche' aveva grandi storie da raccontare con belle frasi. Aveva il contenuto. Naturalmente il linguaggio e' decisivo per l'espressione perche' infonde vita alla storia.

Paul Fusco

Cerca per parola chiave
 


Titolo
Agfa (2)
Alpa (3)
Argus (1)
Canon (101)
Casio (8)
Concorsi Fotografici (111)
Contax (3)
Epson (18)
FOTOgraphia (23)
Foveon (1)
Fujifilm (20)
Hasselblad (9)
HP (2)
Immagini (5)
Incontri (119)
Jenoptik (1)
Kodak (24)
Konika Minolta (26)
Kyocera (6)
Leica (81)
Libri (25)
Link (40)
Mail-Art (4)
Mamya (7)
Minox (9)
Mostre (367)
Nikon (110)
Olympus (71)
Panasonic (6)
Pentax (53)
PhaseONE (2)
PinHole (16)
Plustek (1)
Polaroid (13)
Praktica (4)
Promozioni (6)
Ricoh (5)
Rollei (7)
Samsung (2)
Sanyo (1)
Sharp (1)
Sigma (18)
Sinar (2)
Software (71)
Sony (10)
Tamron (5)
Tutorial (11)
Varie (247)
Vivitar (1)
Voigtlander (7)
WorkShop (71)
ZEISS (11)

Catalogati per mese:
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Good things always m...
04/12/2010 @ 02:47:46
Di coach stores
prima ancora di sceg...
04/12/2010 @ 01:23:27
Di air jordans
You don’t give the p...
02/12/2010 @ 07:34:18
Di Air Jordan 3

Titolo
_____________________


Se vuoi sapere qualche cosa di piu' su tutte queste riviste o vuoi esprimere la tua opinione clicca QUI

Titolo

_


PhotoBIT - Sito Eccellente all'Italian Web Awards 2004


Vedi tutte le promozioni

Tutorial

Esposimetro e grigio-medio
La Composizione Fotografica
Conversione in B/N
Uso e calibrazione dell’esposimetro kiev 88
Problemi di avanzamento frame con Kiev 88 (parte in inglese)
Fotografia Stenopeica o Pinhole
Fotografare senza esposimetro
Grazie a Marco Scarpelli ora anche il manuale della Kiev88 e la guida a cosa fare e non fare con la russa.

Non siete ancora stanchi? Leggete:LEICA REFLEX: Luci e ombre di una principessa che non divenne regina.” , " LEICA M la saga senza fine" i fondamentali scritti su leica di Sante Castignani ora arricchiti da un nuovo articolo sulle ottiche Voigtlander: "Voigtlander al Microscopio".

"Le ottiche EF Autofocus di Canon" di Pino Caprio

Aggiungo qualche risorsa anche per i felici possassori della HOLGA
Da Lomography: Manuale Italiano ed utilizzo di film 35mm.
Da Polaroid: Rendere piu’ luminosa la holga, concise, Holder instructions + Piu’ qualche mia disavventura con i film tipo 80 di polaroid - Manuale della LOMO LC-A in inglese - sempre in inglese potete trovare qui i manuali della gloriosa polaroid SX70 e della Automatic Land Camera 250 questa selezione fa parte del sito orphan cameras sul quale potete trovare davvero tanti libretti di istruzione per tutti i gusti. Ovviamente e' giusto ricordare anche il link ufficiale Polaroid dove trovare alcuni manuali. Segnalo ancora sempre per gli appassionati polaroid il video edito da Freestyle (trovate il link sotto) sulla realizzazione di un Polaroid Image Transfer ed uno sulla manipolazione delle polaroid SX-70 (Purtroppo Polaroid ha annunciato la chiusura della produzione di film SX-70, per chi vuole provare questa tecnica occorre affrettarsi e ricordate che non e' necessaria una Camera Sx-70 ma se posizionate un filtro neutro +2 stop davanti all'esposimetro potete usare i film Sx-70 anche su normali camere 600!!!!!).

E poi ancora:


Link Fotografia:

Fotografia e Informazione
Lens Performance
Lens Performance RAW Data
FreeStyle
Holga.net
ItalSystem.it
Roberto Piero Ottavi
Mauro Fiorese
Gruppo Polaser
Maurizio Galimberti
Paolo Gioli
Massimo Stefanutti
FotoInScatola
Fotografia Anni 30
Gruppo Rodolfo Namias
Polanoid
h0lg4
Found photography
Guida Usato Fotografico

d.r.fotografia - black'n white photography
TuttoFoto
9Cento
Fotomatica
LINK



Ci sono 531 persone collegate


 

...

Design by

Roberto Marone

powered by dBlog CMS ® Open Source

\\ Home di PhotoBIT : Articolo
Appello per il presente e il futuro del Centro Sperimentale di Cinematografia
Di mauro (del 10/08/2006 @ 09:54:58, in Varie, linkato 1207 volte)

Centro Sperimentale di Cinematografia
La Fp Cgil di Roma e del Lazio promuove un Appello per il suo presente e futuro



Roma, 13 luglio 2006

La Fp Cgil di Roma e del Lazio, facendo proprie le preoccupazioni dei lavoratori e degli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia, promuove un appello per la sua difesa e il suo rilancio.

Si tratta di un patrimonio culturale, professionale e storico del cinema italiano, che rischia di essere disperso in una logica tutta economicista avviata con i Tagli al Fondo Unico allo Spettacolo promossi dal governo Berlusconi.

Contro questo disegno e per un rilancio del CSC, dentro un progetto di più ampio respiro sul Cinema Italiano, auspichiamo l’adesione di quanti hanno a cuore la salvaguardia e lo sviluppo di questo straordinario patrimonio di Roma e del Paese.

Il Segretario Generale
Gianno NIGRO

 

Appello per il presente e il futuro del
Centro Sperimentale di Cinematografia

Il taglio del Fondo Unico dello Spettacolo e l’inadeguatezza dell’attuale Amministrazione del CSC rischiano di compromettere quel servizio pubblico che da più di 70 anni il Centro Sperimentale di Cinematografia garantisce: la conservazione, il recupero e la diffusione del patrimonio culturale del cinema italiano accanto alla sperimentazione e alla formazione alle professioni del cinema.

In oltre 70 anni di storia il CSC ha formato tra i più grandi autori, professionisti ed attori del cinema italiano, svolgendo attività di formazione (attività didattica, sperimentazione, produzione filmati degli allievi con apertura al mercato audiovisivo), ha conservato, restaurato, tutelato e diffuso il patrimonio culturale cinematografico italiano (film, manifesti, foto, libri, sceneggiature originali), ha realizzato e promosso una produzione editoriale specialistica e di settore (la rivista Bianco & Nero, le collane storiche, la monumentale Storia del Cinema Italiano in corso di pubblicazione), garantendone l’accesso al pubblico, agli studenti, ai ricercatori, nelle forme della catalogazione, della fruizione dei materiali, della diffusione del patrimonio, anche attraverso rassegne, mostre, pubblicazioni.

Negli ultimi quattro anni con la Presidenza Alberoni, senza quel rilancio promesso e mai realizzato, il CSC ha registrato una progressiva perdita di prestigio e ha vissuto in un sostanziale isolamento culturale.

Il decreto legislativo n.32 del 2004 e il conseguente Statuto del CSC ne hanno, tra le altre cose, modificato le finalità; rimaneggiandone la dimensione culturale a vantaggio di una visione puramente amministrativa. Hanno modificato i poteri degli organi collegiali e ridotto le specifiche competenze richieste; diminuito il ruolo del Comitato Scientifico; modificato i poteri e la composizione del Cda aprendolo a qualsivoglia soggetto privato pagante; prorogato i tempi di nomina del Presidente e di rielezione degli organi.

In questi anni il progetto di ricognizione dell’intero patrimonio filmico della Cineteca, avviato dalla precedente Presidenza, non è stato adeguatamente sostenuto; la pubblicazione on-line del patrimonio iconografico della Fototeca, avviato già dal 1999 e ripreso nella attuale Presidenza, è attualmente bloccato; il tanto pubblicizzato Dipartimento di Cinema Digitale è oggi solo un virtual set di dimensioni e attrezzature inadeguate e scarsamente utilizzate.

La mancanza di una chiara programmazione e organizzazione delle attività ha comportato un progressivo disconoscimento delle professionalità del personale dipendente e uno svilimento delle competenze acquisite.

Non solo: si è favorita la nascita di nuove sedi distaccate regionali (Lombardia e Sicilia), a scapito di un adeguato investimento nelle attività e nei corsi ordinari della Sede nazionale di Roma.

Il colpo finale è arrivato con il taglio del FUS operato dal Governo Berlusconi che ha prodotto immediati effetti sulla condizione dei lavoratori -aggravandola ulteriormente- e immediati riflessi sull’offerta didattica e sulla gestione complessiva delle attività di sperimentazione e di restauro che da sempre costituiscono la missione del CSC. In particolare:

  • A fronte della previsione triennale (2006-2008) dei tagli del FUS, la Direzione Generale Cinema ha inviato alla Direzione del CSC un “decalogo” di riduzione delle attività della sola Sede di Roma e di razionalizzazione delle risorse per il 2006:

    • Abolizione dello straordinario per il personale dipendente

    • Riduzione (20-30%) delle spese di funzionamento

    • Riduzione (70%) delle spese di partecipazione ai festival nazionali e internazionali ad esclusione del Festival di Venezia

    • Riduzione (70%) dei contratti a tempo determinato

    • Elaborazione di un piano di prepensionamento per i dipendenti che abbiano maturato i requisiti per la pensione

    • Divieto assoluto di assunzioni a tempo indeterminato

    • Studio di una norma, da concordare con il Dipartimento per lo Spettacolo – Direzione Generale per il Cinema e il Dipartimento per la Funzione Pubblica, per la mobilità dei dipendenti amministrativi verso altri comparti del settore pubblico

    • Sospensione del bando di concorso 2007-2009 per gli allievi

    • Razionalizzazione delle attività didattiche

    • Piano programmatico per i restauri della Cineteca Nazionale.

Accanto alla consueta pubblicazione del Bando di Concorso per CINEMA DI ANIMAZIONE per la Sede di Torino, con il sostegno economico della Regione Piemonte, per la Sede di Roma non è stato dunque emesso il tradizionale Bando di concorso triennale per i corsi di FOTOGRAFIA, MONTAGGIO, PRODUZIONE, REGIA, SCENEGGIATURA, SCENOGRAFIA - ARREDAMENTO - COSTUME, TECNICA DEL SUONO.
Il Cda ha deliberato esclusivamente a favore di un Bando riservato al CORSO DI RECITAZIONE (docente di riferimento Giancarlo Giannini già Consigliere nel Cda).

Attenzione e risorse istituzionali sono state concentrate a vantaggio della nuova Sede di Milano,finanziata dalla Regione Lombardia, per la quale la Presidenza e gli Organi hanno previsto il lancio di nuovi corsi di durata annuale, originariamente non presenti nel Piano delle attività formative del CSC (LABORATORIO AVANZATO DI CREAZIONE E PRODUZIONE FICTION; LABORATORIO AVANZATO DI REGIA DI CINEMATOGRAFIA D'IMPRESA E PUBBLICITÀ).

Il taglio al volume delle attività istituzionali e la riduzione degli orari di apertura della Sede di Roma hanno prodotto evidenti ricadute negative per le attività di produzione, di formazione, di diffusione culturale del patrimonio cinetecario, mettendo seriamente in pericolo anche l’attività del Cinema Trevi.

A seguito della legge cinema del 2004 e con l’autorizzazione firmata in extremis e a fine legislatura dal Ministro Buttiglione, la Presidenza Alberoni ha attuato la cessione di un ramo di azienda, attraverso la costituzione, a totale carico del CSC, di una SRL per l’esternalizzazione delle attività di produzione, legate alla realizzazione delle esercitazioni degli allievi e dei film di diploma. Sostituendosi alla Fondazione, la SRL potrà produrre conto terzi, gestire sale cinematografiche e teatrali, realizzare pubblicazioni editoriali, promuovere mostre ed eventi.

La situazione è fortemente critica. Occorre intervenire rapidamente con un chiaro progetto di rilancio, condiviso e riconosciuto dalle forze sociali, politiche, culturali e imprenditoriali del settore, mantenendo inalterato i ruoli di servizio pubblico e di scuola nazionale per le professioni del cinema, da sempre esercitati e riconosciuti per legge al Centro Sperimentale di Cinematografia.

E’ necessario:

  1. Recuperare una visione organica del CSC nelle sue funzioni e finalità, guardando alle potenzialità che il decreto di trasformazione 426 del 1997 e la legge 122 del 1998 avevano già garantito.

  2. Assicurare il pieno svolgimento del ruolo pubblico di un ente come il CSC da sempre centro di formazione di eccellenza, modello per la costituzione delle scuole di cinema internazionali e - attraverso la sua Cineteca Nazionale - garante della tutela del film come bene culturale.
    Obiettivi che possono e devono prevedere l’attribuzione di fondi pubblici certi accanto ad un serio progetto di investimento anche con soggetti privati (sponsorizzazioni, partenariato per la valorizzazione dei diversi settori, etc.)

  3. Predisporre, rapidamente, una legge per il cinema, in linea con il programma di governo dell’Unione, nella quale sia previsto un fondo di garanzia per il cinema e l’audiovisivo oltre a un modello gestionale in grado di creare una reale sinergia tra le diverse competenze assegnate a soggetti istituzionali diversi (Centro Sperimentale di Cinematografia, Cinecittà, Istituto Luce)

Il cinema non è solo industria. E’ linguaggio, espressione artistica, cultura. E’ fondamentale per la costituzione stessa dell’identità e della diversità culturale del nostro Paese.

Ci rivolgiamo al Governo e lanciamo un appello ai partiti politici, al mondo della cultura e del cinema, ai giornalisti e ai critici, ai rappresentanti dell’industria cinematografica e audiovisiva, agli studenti e ai docenti universitari, ai cittadini, affinché si salvaguardino il ruolo, la funzione, l’esperienza, la storia, il prestigio nazionale e internazionale che devono rappresentare non solo il passato, ma il presente e il futuro del Centro Sperimentale di Cinematografia.


Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.