Igor Posner – Past Perfect

il tutto si riassume a una semplice domanda, vi piace Michael Ackerman? Se la risposta e’ si non potrete che apprezzare questo lavoro sviluppato da Igor Posner a San Pietroburgo dal 2006 al 2009.

Non ci sono segreti, le foto le trovate quasi tutte sul sito ufficiale con un titolo leggermente differente, questo il link

http://igorposner.net/petersburg/on_second_thoughts.html

Forse troppo simile, forse troppo ispirato a M.A. senza una propria ispirata originalità’ o percorso? beh qui il terreno si fa complicato e minato, in discorso che sara’ meglio sviluppare separatamente, pero’ a mio parere e’ in ogni caso un lavoro sincero, e i libri di Ackermann scarseggiano sugli scaffali, quindi perché’ no.

A me e’ piaciuto.

Past Perfect Book Cover Past Perfect
Igor Posner

Andy Warhol – Polaroids 1958-1987

Ok non sono tutti capolavori, il volume e’ davvero impegnativo come dimensioni, ma insomma, dentro c’e’ davvero di tutto, artisti, musicisti, tutta la scena culturale del periodo, in foto alcune anche private, sicuramente interessante, e poi, basta scrivere polaroid.. oppure no?

Andy Warhol Book Cover Andy Warhol
Reuel Golden
Photography
Taschen
15 April 2015
560

Instant Andy: Before there was Instagram, there was Warhol "A picture means I know where I was every minute. That's why I take pictures. It's a visual diary." - Andy Warhol Andy Warhol was a relentless chronicler of his personal and profesional life. Carrying a Polaroid camera from the late 1950s until his death in 1987, he amassed a huge collection of instant pictures of friends, lovers, patrons, the famous, the obscure, the scenic, the fashionable, and himself. Often impromptu, Warhol's Polaroids document his era like Instagram captures our own, oscillating between spontaneity, staging, representation, and the connection between photography and fame. This collection spans the full range of Warhol's instant pictures, from portraits of celebrities such as Mick Jagger, Alfred Hitchcock, Dennis Hopper, David Hockney, Yves Saint Laurent, Jack Nicholson, O.J Simpson, Pelé, Debbie Harry to landscapes, and still lifes of the iconic soup cans. An indispensable record of Warhol's life, world, and vision, the book also features an Andy Warhol timeline, biographies of the sitters, and additional photographs by Chris Stein and Gerard Malanga. Text in English, French, and German

Joel-Peter Witkin – enfer ou ciel

Se qui c’e’ anche il paradiso non saprei ma sicuramente c’e’ una discesa nell’inferno, completa monografia dell’autore, a cui vengono affiancate anche opere classiche per indicarne il percorso artistico, Per chi non lo conosce utilizza arti e corpi presi in camera mortuaria per creare still life, persone menomate o deformi, una visione onirica e narrativa della fotografia che ne interpreta i lati piu’ oscuri. Come non amarlo, un grande della fotografia che per le sue tematiche e processi vive relegato in un angolo della storia della fotografia e che non tutti conoscono. Si trova a buon prezzo..

Joel-Peter Witkin: enfer ou ciel Book Cover Joel-Peter Witkin: enfer ou ciel
Anne Biroleau, Joel-Peter Witkin, Bibliothèque nationale de France,
Erotic prints
Editions de la Martinière
2012
239

Choosing his subjects among people on the fringes of society or indulging in extreme practices, Joel-Peter Witkin rises above the anecdotal and the spectacular.

Trent Parke – Bedknobs and Broomsticks

Questo piccolo volumetto di sole 24 pagine, che ho preso alla sua uscita sta raggiungendo delle cifre considerevoli, se si riesce a trovarlo, oltre i 200 euro e  arriva a sfiorare i 300, grazie all’edizione numerata e per altro anche molto bella.

Una piccola favola onirica e inquitante, come normale nella fotografia di Parke, un fotografo che amo molto e che e’ una vera ispirazione. La mai delusione quando l’avevo ricevuto era tutta rivolta all’estrema brevità’.

Qui su Vimeo anche una visione del libro:

Bedknobs and Broomsticks Book Cover Bedknobs and Broomsticks
Trent Parke
Artists' books
2010
24

A stream of consciousness journey by the photographer in photographs and verse. A storybook for adults.

Max Pam – Promises to Keep

Forse il piu’ bel libro della serie L’artiere collection che possiedo, libro che mi ha permesso di fare pace anche con Max Pam. Ho sempre ammirato alcune sue foto e alcuni suoi lavori ma devo dire che il mix tra dei bianchi e neri bellissimi e i colori acidi dei suoi cross process mi ha sempre lasciato perplesso, almeno fino ad ora, dove veto tutto perfettamente miscelato e anche a me, persona amante del bianco e nero, a reso accessibile l’opera di questo autore, non solo foto ma quadri ricchi di timbri annotazioni scritte. Davvero un bel libro, una rapida panoramica sulla carriera di Max Pam. Spero che fotografi piu’ giovani non scambino tutto questo con l’uso sconsiderato di alcuni filtri lightroom, perche’ non e’ cosi’, erano altri tempi altri fotografi, e ci voleva coraggio, scegliendo strade da cui non era possibile tornare indietro. E tutto di fronte a commissioni e riviste importanti.

Promises to Keep Book Cover Promises to Keep
Laura Serani
Photography, Artistic
2016
104

Il fotografo e’ un fingitore

Quante volte desideri bruciare tutte le tue foto, quante volto ti senti impotente, senti il peso dell’inutilita’ di quello che hai fatto. Non fatichi per il risultato non ti impegni, scatti quando puoi, quando il tempo te lo concede, quando hai voglia. Normalmente quando puoi scegliere se dormire o metterti in cammino scegli di dormire tra le mura calde, in fin dei conti ci sono cose da sistemare, cose da lavare, piatti da cucinare. Non c’e’ indagine, non c’e’ introspezione, non c’e’ studio, solo l’umore, il gioco di sentirsi fotografo, in uno scatto che non ha nessun valore se non la ricerca estetica o il scimmiottare stilemi gia’ visti da qualche parte, e quindi che senso ha tutto, cosa cambierebbe per il mondo abbandonando tutto, certamente niente e forse niente anche per me, anzi magari evitando di buttare soldi in cosi tante attrezzature e ammennicoli potrei godermi di piu’ la vita che invece vivo cosi’ spesso con insoddisfazione con i limiti che mi impone e che non so infrangere.Il rischio maggiore, in questi casi, non avendo altri appigli di committenza, o di ricerca e’ sentirsi artisti e magari vendere una foto sbagliata venuta assolutamente per caso come una tua nuova grande immagine una tua grande idea o innovazione, mentre dentro di te sai che se non avessi sbagliato qualche cosa, che nemmeno sai quella foto non ci sarebbe mai stata, che non e’ tua piu’ di quanto sia tuo un tramonto.

E allora? Allora cosa sei? Solo un normale fragile essere umano che cerca di avere un qualche rispetto anche a scanso della verita’ in fin dei conti e’ una verita’ che nessuno verra’ mai a sapere, certo non un artista, nemmeno un fotografo, e quando guardi le tue foto, continui a sperare di avere il coraggio prima o poi di eliminarle tutte.

La Fotografia e’ una puttana con il culo largo, e’ la donna segretemente amata che non potra’ mai essere tua…

Spesso mi capita di chiedermi cosa sia la fotografia per me, che ovviamente non sono un professionista. Sicuramente non e’ semplicemente un passatempo, ma definirlo non e’ mai semplice, soprattutto cercando di mettere in fila i pensieri ed organizzarlo per iscritto. Ecco credo che una definizione di fotografia possa essere questa: La fotografia e’ una puttana con il culo largo, la fotografia e’ la donna segretamente amata che non potra’ mai essere tua, ecco come la vedo. Non e’ la quiete familiare, non e’ la vita che vivi quotidianamente, ma l’angoscia e il disagio che ti fa arrivare alla sua porta, dove nessuno ti vede, dove la vedi con quei pantaloni bianchi stretti e attillati ai fianchi che ne mostrano gia’ i segni di un po’ di cellulite, dove la vedi non bella secondo i canoni, ma senti subito il calore di quegli occhi e le movenze feline sapendo quanto possono essere forti quelle gambe nello stringerti e facendoti sognare.

E’ la vita in un istante, quell’istante in cui se paghi con la tua anima, puo’ farti sentire il suo uomo, in quel breve momento e solo in quello il solo… e se non pensi ci credi, per quel breve 1/125 di secondo.

La fotografia e’ disagio, e’ insofferenza della propria esistenza, e’ ricerca di altro, di capire, di sentirsi se stessi in un modo che non e’ possibile nei giorni che viviamo, ed e’ la delusione, il ritorno alla realta’ quando, dopo quel breve istante, quando ancora sudati ci rivestiamo, con il suo odore ancora addosso, che ci accompagnerà per qualche ora, mentre scendiamo le scale e usciamo dal portone che gia’ iniziamo a capire, che non siamo gli unici, e soprattutto che non siamo noi che contiamo, ma solo uno come gli altri, eppure, quella gioia, quel ricordo ci fara’ ritornare con la mente, a volte a illuderci a volte a ossessionarci.

Ecco questa’ e’ la fotografia, l’illusione di essere bravi per un secondo di essere artisti, reporter o Fotografi, e poi il resto del tempo, desiderando bruciare e distruggere tutto quanto e’ stato fatto negli anni, tutti i negativi tutte le poche stampe per la loro insipidezza, per la loro inutilita’ e bruttezza, per la mancanza di senso, per non avere nemmeno mai avuto il coraggio di difendere quella montagna di celluloide per farne qualche cosa, per uscire dal limbo dell’essere solo un amatore. Ecco, pero’ .. in quel momento, magari sfogliando un libro, di quelli bravi che ce l’hanno fatta.. sentiamo ancora il ricordo del suo odore sulla pelle, del sudore, del caldo e umido abbraccio del desiderio, e non possiamo credere che fosse solo finzione, il solito orgasmo simulato per soddisfare l’ennesimo cliente, ma pensiamo, “con me e’ diverso” e allora mettiamo le scarpe, e torniamo per quei vicoli, a cercarla. Un’altra volta. E un’altra volta ancora..

Hajime Kimura – Path in Between

Path in Between e’ il 10° volume della serie l’Artiere Collection della coraggiosa casa editrice bolognese, L’artiere. Non e’ sicuramente facile di questi tempi decidere di aprire delle collane fotografiche, soprattutto senza ricercare solo artisti ben noti e affermati ma cercando un proprio percorso.

Un percorso come in questo caso particolarmente difficile, bellissime alcune foto di questo libro stampate su carta trasparente che vanno a fondersi con altre immagini dietro, alternate a queste pero’ devo dire che ci sono immagini davvero di difficile lettura tanto che a volte e’ difficile rendersi conto se si e’ davanti ad una foto o solo a una texture scelta per la pagina. Giudizio complesso quindi su questo libro, che sebbene dotato di alcune immagini molto belle mi rende difficile consigliarlo al contrario di altri della serie di cui parlerò′ a breve.

In ogni caso complimenti all’editore, credo che scelte come queste meritino tutto il supporto possibile.

Path in Between Book Cover Path in Between
Artists' books
2016